Síguenos en Twitter Siguenos en Blogger Siguenos en Facebook 


 

“L’Eroica was invented in a café – adds Giancarlo Brocci, inventor of L’Eroica – the place where we spent most of our time after work. We cycled to the cafe; we read about and discussed cycling and its mythical heroes who inspired the best Italian writers and journalists of the twentieth century. In the bars, back then, people still discussed the world, exchanging ideas about how to improve it, before hope, joy, culture, and the desire to spend time together was lost, before playing cards, bowls and serious reasons to go out at night were put aside. Cycling was THE sport in our cafes, at least up until the time of Bartali and Coppi. In the bars, we waited for news on the radio from the Giro or the Tour, challenges were issued and bets taken, we gathered the young children together and put them on bikes, hoping to discover a champion among them.”

Brocci continues: “L’Eroica was invented there, amid the passions of a generation that grew up poor in everything but hope and values. They believed in the future, they had simple tastes for real things in a wonderfully peasant Italy, connected to the land and to the cult of fatigue and hard work. Today, people need to recover these rhythms and habits, flavours and joys, and the capacity to laugh together.”


“L'Eroica è nata in un caffè – ha aggiunto Giancarlo Brocci, ideatore de L’Eroica - un luogo dove un tempo scorreva gran parte della nostra vita oltre il lavoro. Al caffè si andava in bici, si leggeva e discuteva di bici e dei suoi eroi, i miti che avevano ispirato l'epica del Novecento ai migliori scrittori e giornalisti italiani. In quei bar si parlava ancora del mondo, si avevano idee grandi per migliorarlo, prima che si perdessero speranze, giocosità, cultura e voglia dello stare insieme, si accantonassero le carte, le bocce ed i motivi seri per uscire di casa al buio. Il ciclismo è stato lo sport dei nostri caffè almeno fino ai tempi di Bartali e Coppi. Nei bar si aspettavano le notizie via radio dal Giro e dal Tour, si formavano sfide e scommesse a pedali, si radunavano i ragazzini del paese per metterli in bici e sperare di scoprirne qualcuno campione."

Continua Giancarlo Brocci: "L'Eroica è nata lì, tra le passioni di una generazione cresciuta povera di tutto tranne della speranza ed i valori. Si credeva nel futuro, si avevano gusti semplici e veri in un’Italia straordinariamente contadina, legata alla sua terra e al culto della fatica e del lavoro. Oggi la gente deve recuperare ritmi e abitudini, sapori e gioie, capacità di ridere assieme. L'Eroica è divenuta una vetrina nel mondo della Toscana migliore; a Eroica Caffè quella rara umanità che si è raccolta attorno ad una filosofia, che condivide valori e idee di vita, proverà a dirsi come vuole mangiare e bere, stare assieme, preservare l'ambiente, le sue strade e paesaggi. E, magari, tenterà di riusare le città a sua misura.”


Próxima apertura - Consell Cent, 350 - 08009 Barcelona - 636 454 497 - cafe@eroicacaffebcn.com